Crea sito

Tag: primavera

La multifiorita stagione

Autore: liberospirito 15 Apr 2013, Comments (0)
L’aspettavamo tutti, chi nelle città chi in campagna. Per chi non l’avesse capito, stiamo parlando proprio dell’arrivo della primavera che, senza rispettare i tempi ufficiali, finalmente è arrivata. Non rubrichiamo un pensiero del genere come futile considerazione rispetto ai gravi problemi che incombono, più o meno minacciosi. La preoccupazione e la denuncia per l’alterazione degli ecosistemi e la violazione del mondo naturale percepito come terra mater (ciò che gli indios in America chiamano pachamama) non può prescindere da una partecipazione affettiva ai suoi ritmi, grandi e piccoli. Il breve scritto di Lidia Menapace che proponiamo (proveniente da www.ildialogo.org) esprime proprio una simile gioiosa condivisione che ci piace far circolare.
primavera
Sembra più fine ottobre che inizio aprile, ma per fortuna i fiori hanno un loro orologio interno fedele, e così viaggiando viaggiando ho letto la solita bellissima trafila: prima spuntano i fiori gialli, col loro colore squillante e fresco, primule, forsizie, ginestre; poi arrivano i fiori bianchi che staccano dal primo verde che spunta da terra, il biancospino, i mandorli, il sambuco; poi il rosa dei peschi incomincia a sfoggiare sfumature più sofisticate e leggiadre e dopo viole, tulipani, garofani, camelie, rose e si avvia quella che Mimnermo chiamava poluanthemos ore, la multifiorita stagione.
Tutto ciò mi trasmette un grande senso di bellezza e di ordine vitale, di sicurezza: la ripetizione stagionale è una rassicurazione; immagino la paura delle prime creature intelligenti, che forse temevano che il sole fuggito non tornasse più; e il miracolo dell’alba arrivava come un patto sicuro e sereno stipulato con la madre Terra.
Ero sul Gargano una delle scorse mattine, mi sono svegliata presto e ho visto con eterno stupore il sole sorgere all’orizzonte dal mare, sfumando di rosa le nuvole prima grigie e cancellando via via con la sua luce potente una sottile mezzaluna argentea, che prima campeggiava, una meraviglia.
Lidia Menapace