Crea sito

Tag: PREGHIERA DEL MISCREDENTE

Preghiera del miscredente

Autore: liberospirito 27 Lug 2019, Comments (0)

Tra i significati della parola “miscredente” il vocabolario Treccani pone (anche se considerato di uso poco comune) chi assume un atteggiamento di fondamentale scetticismo o di critica verso i valori ideali e spirituali correnti. Ecco: in questa definizione molti oggi si riconoscono, tra i quali noi. Per queste ragioni pubblichiamo questi versi di Juan Vicente Piqueras, poeta contemporaneo spagnolo (fra l’altro ha tradotto nella sua lingua testi di Tonino Guerra e Cesare Zavattini). Proprio Tonino Guerra scrisse che nelle poesie di Piqueras “i miei occhi hanno raccolto schegge di luce che mi hanno portato lungo rotte e sentieri così carichi di nuvole misteriose e avvolgenti”. In effetti, a leggere questi versi, sembra davvero di imbattersi in qualcosa di nuovo, di inedito, una preghiera atea e laica…

PREGHIERA DEL MISCREDENTE

L’importante è pregare, non importa chi,
che le domande siano le preghiere
del pensiero, piantino i loro semi
nella nostra solitudine, e non ci sia pace
che, a forza di insistere, sia capace
di non esistere, non abbia altra scelta
che rispondere alla voce di chi la chiama.

Che Dio non esista, è
forse una ragione per non credere in lui?

Dio è il nome della sete, il destino
e la voglia di questa solitudine
che entrambi siamo.

Di nessuno parlo con dio, di dio con nessuno.
Lo scrivo con attenzione e con la minuscola.
Io sono ateo e laico ogni giorno.
Ma ci sono notti amniotiche
in cui la mia anima prega in ginocchio
non importa chi,
chiede, spera, implora.

E la mia anima in ginocchio è una candela
alla cui luce, nella cui notte, scrivo.

Juan Vicente Piqueras