Crea sito

Tag: Erri De Luca

“Io sto con le Ong”

Autore: liberospirito 19 Mag 2017, Comments (0)

Riportiamo un’intervista a Erri De Luca sulla questione degli sbarchi dei migranti in Italia. Come sempre con lucidità e passione l’autore  sa entrare nel merito del problema, a dispetto di tutte le ipocrisie e le menzogne che capita di leggere sui vari quotidiani o di sentire in televisione.  L’intervista è apparsa sul sito di MicroMega.

04 Jan 2016, Greece --- Jan. 4, 2016 - Greece - Europe, Greece, Lesbos isle, January 5, 2016 : thousands of migrants land every day on the shores of the island of Lesbos from neighboring Turkey , distant only 4 nautical miles. (Credit Image: © Danilo Balducci via ZUMA Wire) --- Image by © Danilo Balducci/ZUMA Press/Corbis

Dalla chiusura dell’operazione Mare Nostrum, voluta dal governo Letta nell’ottobre 2013 e sospesa a ottobre 2014 dopo lunghissime polemiche, gli sbarchi sono aumentati e, con essi, i morti e dispersi in mare. Solo nel 2017 sono 43.357 i migranti arrivati per mare in Italia, Grecia e Spagna. In Europa siamo di fronte ad un’emergenza da fronteggiare?

Non si può usare il termine emergenza per un fenomeno che dura in continuità da venti anni. Emergenza è un terremoto, un’alluvione, una siccità. Qui si tratta di incompetenza, di volontario affidamento dei flussi migratori ai trafficanti, di passiva gestione di chi comunque arriva.

C’è chi parla di “invasione”, secondo lei viviamo una fase di grande distorsione tra percezione e realtà? E i media, con la loro imprenditoria della paura, hanno responsabilità?

Esiste il freddo reale misurabile in gradi di temperatura e il freddo percepito più intensamente, dovuto per esempio al vento. Nel caso dei flussi migratori registriamo una percezione ingigantita che istiga l’allarme di invasione. È vero il contrario, le poche decine di migliaia di nuovi arrivi non compensano l’esodo di italiani verso residenze all’estero. Passivo è anche il saldo tra nascite e decessi, in parte compensato dalla natalità dei nuovi arrivi. L’Italia è un paese in via di disabitazione. Una percezione sobria della realtà dovrebbe rallegrarsi del rabbocco di nuovi residenti. Si sparge invece artificialmente l’allarme per giustificare la parola emergenza, che a sua volta giustifica assegnazioni senza gara di appalti e di denaro pubblico a imprenditori legati ai partiti.

La sinistra storicamente ha assunto la posizione “no borders” e dell’accoglienza indiscriminata. Veramente in Italia non esiste un problema migrazione e abbiamo la capacità di inserire tutti i migranti nel nostro tessuto socio-economico?

Non so a che sinistra si riferisce. Il centrosinistra ha introdotto i campi di detenzione abusiva per stranieri colpevoli di viaggio non autorizzato. Ha esordito con il governo Prodi Veltroni affondando il barcone albanese Kater i Rades nella Pasqua del ‘97 per imporre un blocco navale illegale. Invece l’accoglienza economica esiste, eccome: manodopera sottopagata, senza limiti di orario di lavoro, sistemata in alloggi degradati. Succedeva già a Torino negli anni ‘60 e ‘70, gli operai meridionali vivevano in soffitte, dividendosi in due la stessa branda, secondo i turni di lavoro in fabbrica. Il sistema economico tende a ridurre al minimo il costo della manodopera e la nuova disponibilità di stranieri senza diritti sindacali è la pacchia del profitto. L’accoglienza economica avviene sopra e sotto banco.

Verrà accusato di essere un “buonista”, lo sa?

Ignoro il significato. So che chi vorrebbe infilare un immaginario preservativo all’Italia è un autolesionista che non vede a un centimetro dal proprio naso e si rifiuta di documentarsi sulle cifre.

Non crede che la questione debba essere risolta in chiave europea magari con un meccanismo di quote migratorie per ogni Paese? L’Europa non sta abbandonando l’Italia al proprio destino?

L’Italia e i Paesi di confine sud si sono danneggiati da soli firmando il trattato di Dublino, che assegna al Paese di primo arrivo l’intero onere di identificazione e trattenimento. Il governo d’Europa invece lascia che i flussi migratori se la sbrighino da soli. Ogni tanto l’Europa impone il blocco alle frontiere, sospendendo il trattato di Schengen. Va sospeso invece quello di Dublino.

Passiamo alla polemica sulle Ong generata dalle frasi del grillino Luigi Di Maio: come si spiega la sortita del leader del M5S?

Un atto di autolesionismo politico e morale: se c’è un calcolo nel ripetere a pappagallo la diffamazione contro i salvatori di vite umane in mare, è calcolo sbagliato. Potrà incassare qualche voto, ma produce di più un’emorragia di consensi. Con questa posizione sono diventati non più votabili per chi era uscito dall’astensionismo. Il Movimento aveva raccolto quell’area di astenuti, che ora ha restituito al vento.

Però sulla base di un rapporto di Frontex si ipotizza che le modalità operative delle navi umanitarie finiscano con il favorire i trafficanti. Che idea si è fatto di questa bagarre politica?

Sono stato in mare con Medici Senza Frontiere. Ho visto che l’unica condizione necessaria ai trafficanti è che il mare sia extrapiatto. Le camere d’aria lunghe dieci metri e cariche di centocinquanta persone in media, spinte da un motorino di 40 cavalli, partono solo se le condizioni meteo del mare sono ideali. Quando sussistono queste condizioni, i trafficanti lanciano a mosca cieca le camere d’aria al largo verso nord, senza neanche uno di loro alla guida. Se ci sono o non ci sono delle navi soccorso, è affare che non riguarda i trafficanti. Se le zattere naufragano o no, loro hanno già incassato il prezzo del biglietto. Non ha alcun senso logico né pratico l’ipotesi inventata di una loro intesa con le navi soccorso. Sono queste navi che devono dannarsi dall’alba al tramonto per cercare a vista di binocolo quei dieci metri di esseri umani accatastati, alla deriva nell’enorme Golfo della Sirte.

Ma le parole del procuratore Carmelo Zuccaro, sui presunti legami tra trafficanti libici e organizzazioni umanitarie impegnate nel soccorso dei migrant in mare, hanno gettato benzina sul fuoco di una questione irrisolta che si affaccia sulle coste del Mediterraneo?

Sono dichiarazioni irresponsabili del rappresentante di un’istituzione preposta a svolgere indagini, che ha parlato ammettendo di non avere elementi di prova, deragliando dal suo compito di ufficio.

Durante l’audizione in Senato il pm di Trapani, Ambrogio Cartosio, ha parlato di soccorsi senza informare la guardia costiera annunciando che “membri delle Ong sono indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. Una di queste Ong, tra l’altro, è Medici senza Frontiere… Solo macchina del fango o dietro c’è del vero?

MSF non ha ricevuto, al momento che rispondo alla sua domanda, nessun avviso di indagine. Sono stato a bordo con loro per due settimane in aprile e ho conosciuto tutta la loro macchina organizzativa. In più ho conosciuto l’equipaggio della nave Prudence, noleggiata, e l’ho visto coinvolto dallo stesso spirito di servizio e di dovere di soccorso in mare, che anima i volontari. Favoreggiamento? Favoriscono il più indispensabile soccorso a chi sta per annegare.

E perché le Ong si rifiutano di far salire unità di polizia giudiziaria a bordo? La maggiore trasparenza (delle attività e dei fondi) non sgombrerebbe il campo da dubbi ed illazioni?

Perché non sono un corpo di polizia. Ci pensa già Frontex e la Guardia Costiera a svolgere con pieni poteri e autorità questo compito. I volontari di pace e di soccorso salvano vite senza nessuna divisa. Ricordo che durante la guerra di Bosnia negli anni ‘90 i convogli di aiuti ai quali partecipavo come autista, rifiutavano la scorta armata in zona di guerra. Non si va al soccorso con le armi. 

Non crede che sia possibile che qualche Ong, lavorando in contesti difficili, abbia rapporti ambigui e poco chiari? Le indagini della magistratura alla fine non potrebbero far luce sulla situazione, colpendo soltanto le mele marce della cooperazione internazionale? La giustizia non deve fare il suo regolare corso, perché temerla?

Ripeto: ai trafficanti non serve nessun contatto e comunque possono sapere se ci sono navi soccorso dai pescherecci libici che incrociano al largo e che recuperano i motori di 40 cavalli dai gommoni, dopo che le navi soccorso hanno issato a bordo i salvati. È veramente assurdo e inverosimile attribuire ai trafficanti lo scrupolo di assicurarsi un buon fine al carico umano del quale si liberano appena il mare è calmo.

Il Cara più grande d’Italia era da dieci anni nelle mani della ‘ndragheta per un giro d’affari di oltre 30 milioni di euro. In manette anche il parroco della chiesa di isola Caporizzuto. Come si contrasta il nuovo business sull’accoglienza (e sulla pelle) dei migranti?

In altre parte d’Italia la manodopera straniera viene impiegata senza nessuno scrupolo e a pieno sfruttamento. Non è diverso dal centro CARA calabrese, dove tutta quella forza lavoro lasciata inerte fa gola a chi può approfittarne. Non è peggio di chi ha la gestione dell’accoglienza e intasca la quota procapite, lasciando spiccioli agli ospiti che hanno diritto a quella somma.

Quali le responsabilità della politica?

Di infischiarsene, di lasciare che l’economia selvaggia lucri sulla vita, il lavoro, il bisogno di chi ha solo la forza e la gioventù come merce di scambio.

In effetti su sicurezza e immigrazione tanto il Pd – tra decreto Minniti ed estensione della legittima difesa – quanto il M5S sembrano inseguire la peggior destra, quella razzista di Salvini. È così? Si fa a gara a chi la dice più grossa contro i migranti per racimolare qualche voto?

Il recente ignobile decreto toglie al richiedente asilo il diritto di appello in caso di prima sentenza di respingimento della sua domanda. A chi ha perso tutto quello che si può perdere nella vita, viene tolto anche il ricorso in appello. È un provvedimento incostituzionale e il ministro lo sa, ma che importa? Basta sbattere sul tavolo di una perpetua campagna elettorale l’accanimento contro il più debole. Il decreto è stato preceduto dal ridicolo e certamente costoso accordo con un caporione libico, uno fra i tanti, per trattenere i profughi più a lungo.

E in tutto questo, la sinistra dov’è, esiste ancora?

E’ stata amputata dopo lunga cancrena. Come gli arti amputati, ogni tanto continua a far male in assenza. Nella questione dei flussi migratori è in discussione la semplice appartenenza alla specie umana e alla civiltà del Mediterraneo.

Speranza e impazienza

Autore: liberospirito 3 Gen 2016, Comments (0)

In apertura di duemilasedici una poesia su fatti accaduti nell’anno appena trascorso a cui spesso ci è toccato assistere impotenti. Affinché non si ripetano, per trovare la forza e l’intelligenza di reagire. Segnali positivi ce ne sono stati, non è ancora un deserto la terra che abitiamo. Vanno però coltivati, con la speranza e la necessaria impazienza che il momento in cui viviamo reclama. I versi sono di Erri De Luca e provengono dal libro Solo andata, pubblicato da Feltrinelli.

migranti

Coro

Da qualunque distanza arriveremo, a milioni di passi

quelli che vanno a piedi non possono essere fermati.

 

Voi siete l’alto, la cima pettinata del pianeta,

noi siamo i piedi e vi reggiamo il peso.

 

Lastrichiamo le strade, spaliamo la neve,

allisciamo i prati, battiamo i tappeti,

 

raccogliamo il pomodoro e l’insulto,

noi siamo i piedi e conosciamo il suolo passo a passo.

 

Non potete sbarazzarvi di noi,

Uno venuto molto prima ha detto:

 

a nome di noi tutti: “Va bene, muoio,

ma in tre giorni resuscito e ritorno”.

Erri De Luca

Libertà per Erri De Luca (en français)

Autore: liberospirito 26 Mar 2015, Comments (0)

Ancora sul procedimento giudiziario in corso nei confronti di Erri De Luca. In Francia, interessata anch’essa alla devastante “grande opera”,  diversi intellettuali (scrittori, giornalisti, traduttori, docenti, registi, ecc.) hanno firmato un appello di solidarietà con Erri. Appello a cui hanno aderito, fra gli altri in ambito internazionale, anche Salman Rushdie e Paul Auster. Si può consultare un sito (http://soutienaerrideluca.net/) dove è pubblicato l’appello – che qui sotto riportiamo (in francese, ovviamente) – a cui si può apporre anche la propria firma, come abbiamo fatto poco fa anche noi. Difendiamo la libertà ovunque: ci sembra cosa buona e giusta.

erri de luca

Liberté pour Erri de Luca

La Lyon-Turin Ferroviaire, une filiale de l’entreprise publique SNCF Réseau et de son homologue italien, veut construire pour près d’une dizaine de milliards d’euros, un tunnel TGV au travers des Alpes pour nous entraîner encore plus dans une vie à grande vitesse. Elle a déposé plainte à Turin contre Erri De Luca. Elle entend le faire condamner pour des propos sur le sabotage du projet dans une interview accordée au Huffington Post italien. Il risque une peine de prison pouvant aller de un à cinq ans de prison ferme.

Nous avons lu la Parole Contraire qu’il vient de publier aux éditions Gallimard où il défend sa liberté de parole. Alors que la France vient de se mobiliser pour défendre la liberté d’expression, comment pourrait-elle laisser un écrivain risquer la prison pour ses déclarations publiques ?

En lecteurs, nous exprimons notre solidarité avec Erri De Luca.

En citoyens, nous demandons à l’Etat français de donner l’ordre à SNCF Réseau de faire retirer cette plainte.

En Européens, nous demandons au Parlement européen de se prononcer sur la liberté de critique d’un projet financé par la Commission européenne sur nos deniers.

En défenseurs de la liberté d’expression, nous n’acceptons pas qu’un écrivain soit poursuivi pour ses mots.

Natale è passato. Viva il Natale

Autore: liberospirito 26 Dic 2014, Comments (0)

Natale è trascorso da meno di ventiquattro ore, con i suoi riti, per lo più profani. In questo trascorrere proponiamo la riflessione di Erri De Luca sul Natale e il suo senso smarrito. Una meditazione sommessa, meritevole di attenzione, qualcuno la potrà definire laica; comunque sia assai più religiosa di tante omelie che hanno risuonato ieri nelle pareti di molte chiese.

Erri De Luca

Il Natale

Nello scasso profondo dei nuclei familiari Natale arriva come un faro sui cocci e fa brillare i frantumi. Si aggiungono intorno alla tavola apparecchiata sedie vuote da tempo.Per una volta all’anno, come per i defunti, si va in visita al cerchio spezzato.
Natale è l’ultima festa che costringe ai conti. Non quelli degli acquisti a strascico, fino a espiare la tredicesima, fino a indebitarsi. Altri conti e con deficit maggiori si presentano puntuali e insolvibili.
I solitari scontano l’esclusione dalle tavole e si danno alla fuga di un viaggio se possono permetterselo, o si danno al più rischioso orgoglio d’infischiarsene. Ma la celebrazione non dà tregua: vetrine, addobbi, la persecuzione della pubblicità da novembre a febbraio preme a gomitate nelle costole degli sparpagliati.
Natale è atto di accusa. Perfino Capodanno è meno perentorio, con la sua liturgia di accatastati intorno a un orologio con il bicchiere in mano. Natale incalza a fondo i disertori.
Ma è giorno di nascita di chi? Del suo contrario, spedito a dire e a lasciare detto, a chi per ascoltarlo si azzittiva. Dovrebbe essere festa del silenzio, di chi tende l’orecchio e scruta con speranza dentro il buio.
Converge non sopra i palazzi e i centri commerciali, ma sopra una baracca, la cometa. Porta la buona notizia che rallegra i modesti e angoscia i re.
La notizia si è fatta largo dentro il corpo di una ragazza di Israele, incinta fuorilegge, partoriente dove non c’è tetto, salvata dal mistero di amore del marito che l’ha difesa, gravida non di lui.
Niente di questa festa deve lusingare i benpensanti. Meglio dimenticare le circostanze e tenersi l’occasione commerciale.
Non è di buon esempio la sacra famiglia: scandalo il figlio della vergine, presto saranno in fuga, latitanti per le forze dell’ordine di allora.
Lì, dentro la baracca, che oggi sgombererebbero le ruspe, lontano dalla casa e dai parenti a Nazareth, si annuncia festa per chi non ha un uovo da sbattere in due. Per chi è finito solo, per il viandante, per la svestita sul viale d’inverno, per chi è stato messo alla porta e licenziato, per chi non ha di che pagarsi il tetto, per i malcapitati è proclamata festa. Natale con i tuoi: buon per te se ne hai. Ma non è vero che si celebra l’agio familiare. Natale è lo sbaraglio di un cucciolo di redentore privo pure di una coperta.
Chi è in affanno, steso in una corsia, dietro un filo spinato, chi è sparigliato, sia stanotte lieto. È di lui, del suo ingombro che si celebra l’avvento.
È contro di lui che si alza il ponte levatoio del castello famiglia, che, crollato all’interno, mostra ancora da fuori le fortificazioni di Natale.

Erri De Luca

Io sto con Erri

Autore: liberospirito 10 Giu 2014, Comments (0)

Apprendiamo dai giornali che Erri De Luca è stato rinviato a giudizio per istigazione a delinquere in relazione ad alcune dichiarazioni rilasciate a Radiorai e ad altre testate lo scorso settembre in cui affermava che «la Tav va sabotata». Lo ha deciso giovedì 5 giugno il gup di Torino all’udienza preliminare, ritenendo valida la tesi del pm che ha sottolineato come con quelle frasi l’intellettuale volesse «condizionare l’agire di altri». Il processo pertanto inizierà il 28 gennaio 2015.

de_luca

Dal canto suo lo scrittore ha così commentato su facebook: “Mi processeranno a gennaio. Mi metteranno sul banco degli imputati e ci saprò stare. Vogliono censurare penalmente la libertà di parola. Processane uno per scoraggiarne cento: questa tecnica che si applica a me vuole ammutolire. E’ un silenziatore e va disarmato”.

E’ in corso un appello (tra i primi firmatari: l’attore e regista Ascanio Celestini, la  cantautrice Fiorella Mannoia, il collettivo di scrittori Wu Ming) a sostegno di Erri De Luca. Chi intende aderire all’appello può scrivere – indicando nome e cognome – a [email protected].

Parole in manette

Autore: liberospirito 27 Feb 2014, Comments (0)

erri de luca noTav

Dai vari organi di stampa apprendiamo che lo scrittore Erri De Luca ha ricevuto un’incriminazione “per avere istigato al sabotaggio della Tav in Val di Susa”.   La procura di Torino lo scorso settembre aveva aperto un fascicolo di atti relativi, cioè senza ipotesi di reato né indagati, per le dichiarazioni rilasciate dallo scrittore che, da sempre contrario alla realizzazione della Tav, aveva rivelato di aver partecipato a forme di sabotaggio in Valsusa. Il fascicolo era stato aperto dopo la denuncia da parte di Lyon-Turin ferroviaire, la società che si occupa della realizzazione del Tav Torino-Lione.

Una volta informato del provvedimento, questa è stata la dichiarazione di Erri De Luca:

Le mie parole sulla lotta contro la TAV in Val di Susa stanno tra virgolette nel capo di imputazione firmato dalla Procura di Torino. Quelle parole stanno tra virgolette come prova del crimine.
Quelle mie parole stanno in manette tra le virgolette. Non posso scioglierle ma posso ribadirle. L’opera TAV inVal di Susa e’ di catastrofica nocività per aria, acqua, suolo e salute pubblica di quella terra, oltre che grottescamente inutile. Da recidivo delle mie convinzioni dichiaro che va fermata, arrestata e pertanto sabotata.

Numerose le prese di posizione solidali con lo scrittore; come è facilmente intuibile, anche da noi. Probabilmente, come si diceva un tempo, non è che l’inizio…

 

Per il 3 di ottobre

Autore: liberospirito 26 Ott 2013, Comments (0)

Non c’è giorno che non vi sia attraversamento o sbarco dal Mediterraneo per giungere alle nostre coste, in cerca di uno scampolo di vita e di dignità. Stiamo parlando dei migranti. Fra le altre cose si è costituito di recente il Comitato 3 ottobre avente come obiettivo quello di celebrare – appunto il 3 ottobre di ogni anno – la Giornata delle memoria delle vittime del mare, in ricordo delle centinaia di profughi morti davanti alle coste di Lampedusa. Su questi temi pubblichiamo di seguito una poesia di Erri De Luca che dice più di tanti lunghi, lambiccati discorsi.

Clandestini, 390 arrivati a Lampedusa in due sbarchi

Abbiamo amato l’Odissea, Moby Dick, Robinson Crusoe,
i viaggi di Sindbad e di Conrad,
siamo stati dalla parte dei corsari e dei rivoluzionari.
Cosa ci fa difetto per non stare con gli acrobati di oggi,
saltatori di fili spinati e di deserti,
accatastati in viaggio nelle camere a gas delle stive,
in celle frigorifere, in container, legati ai semiassi di autocarri?
Cosa ci manca per un applauso in cuore,
per un caffè corretto al portatore di suo padre in spalla
e di suo figlio in braccio
portato via dalle città di Troia, svuotate dalle fiamme?
Benedetto il viaggio che vi porta, il Mare Rosso che vi lascia uscire,
l’onore che ci fate bussando alla finestra.

Erri De Luca

erri-de-luca

La battaglia di Istanbul

Autore: liberospirito 7 Giu 2013, Comments (0)

Lo sanno tutti. A Istanbul, in piazza Taksim, da giorni si sta combattendo una battaglia importante. L’origine di questa battaglia è stata la decisione del governo di demolire un parco che possiede una storia secolare, sradicando circa seicento alberi che costituiscono uno dei rari spazi verdi del centro della città, per costruire un ennesimo centro commerciale e un parcheggio interrato. “Dubaizzazione” è stata definita questa iniziativa. La protesta è inizata con un gruppo di persone che hanno occupato il parco per difendere gli alberi dallo sradicamento. La crescente partecipazione popolare e la loro decisione di continuare l’occupazione e la protesta fino al ritiro del progetto ha dato luogo a una feroce repressione. Tutto ciò ha creato una vasta indignazione e i resistenti non cessano di ricevere ogni giorno nuove adesioni. La manifestazione sta diventando un simbolo intorno al quale cresce una vasta protesta contro il clima di repressione e di violazione dei diritti. E’ stata anche aperta una petizione internazionale (http://www.avaaz.org/en/petition/Erdogan_End_the_crackdown_now/?tbKdZcb*) affinché cessi subito la repressione. A questa protesta lo scrittore Erri De Luca ha dedicato una poesia.

Tensions Grow As Demonstrations Against The Government Continue In Istanbul

La battaglia d’ Istanbul in difesa di seicento alberi,
novecento arresti, mille feriti, quattro accecati per sempre,
la battaglia d’ Istanbul
è per gli innamorati a passeggio sui viali,
per i pensionati, per i cani,
per le radici, la linfa, i nidi sui rami,
per l’ ombra d’ estate e le tovaglie stese
coi cestini e i bambini,
la battaglia d’ Istanbul è per allargare il respiro
e per la custodia del sorriso.

Erri De Luca

erri-de-luca