Crea sito

Tag: Contro il fanatismo

Amos Oz : in memoriam (1939 – 2018)

Autore: liberospirito 30 Dic 2018, Comments (0)

Ora mi torna in mente una vecchia storiella, dove uno dei personaggi – ovviamente siamo a Gerusalemme e dove sennò – è seduto in un piccolo caffè, e c’è una persona anziana seduta vicino a lui, così i due cominciano a chiacchierare. E poi salta fuori che il vecchio è Dio in persona. D’accordo, il personaggio non ci crede subito lì per lì, però grazie ad alcuni indizi si convince che è seduto al tavolino con Dio. Ha una domanda da fargli, ovviamente molto pressante. Dice: “Caro Dio, per favore dimmi una volta per tutte, chi possiede la vera fede? I cattolici o i protestanti o forse gli ebrei o magari i musulmani? Chi possiede la vera fede?” Allora Dio, in questa storia, risponde: “A dirti la verità, figlio, mio, non sono religioso, non lo sono mai stato, la religione nemmeno m’interessa”.

Amos Oz, Contro il fanatismo, Milano, Feltrinelli, 2004, p. 16-17

Intolleranza, fondamentalismo, fanatismo, integralismo, dogmatismo, etc. etc. Si potrebbe continuare in queste variazioni sul tema. Si tratta di un nemico, esterno quanto interno, che continuamente ci minaccia oppure tenta di sedurci subdolamente con le sue presunte sicurezze. E tutto ciò riguarda non solo la religione, ma, a guardare bene, attraversa ogni campo della vita umana: dall’ambito della socialità alla sfera più intima e personale. Come antidoto a tutto ciò una sana e aperta risata è più efficace di tante raffinate analisi del problema. In questa prospettiva proponiamo una storiella ebraica, raccontata dalllo scrittore Amos Oz nel suo libriccino Contro il fanatismo (Feltrinelli).

Amos Oz, Copyright www.peterrigaud.com

Ora mi torna in mente una vecchia storiella, dove uno dei personaggi – ovviamente siamo a Gerusalemme e dove sennò – è seduto in un piccolo caffè, e c’è una persona anziana seduta vicino a lui, così i due cominciano a chiacchierare. E poi salta fuori che il vecchio è Dio in persona. D’accordo, il personaggio non ci crede subito lì per lì, però grazie ad alcuni indizi si convince che è seduto al tavolino con Dio. Ha una domanda da fargli, ovviamente molto pressante. Dice: “Caro Dio, per favore dimmi una volta per tutte, chi possiede la vera fede? I cattolici o i protestanti o forse gli ebrei o magari i musulmani? Chi possiede la vera fede?”. Allora Dio, in questa storia risponde: “A dirti la verità, figlio mio, non sono religioso, non lo sono mai stato, la religione nemmeno mi interessa”.

Amos Oz