Crea sito

Archivi: aprile 2012

Sabato 28 aprile si discuterà a Grosseto su come andare “Oltre la crisi, verso un’economia che fa stare bene”. L’incontro, promosso dalle associazioni Rosa Parks, Sentinella della Maremma e Maremma Viva, avrà luogo presso la Camera di Commercio alleore 16.00 . Interverrà Herbert Anders esperto di questioni ambientali e
globalizzazione, nonché autore dell Equomanuale  pubblicato on line (www.equomanuale.org), di cui abbiamo anche già parlato in un precedente post.

Dopo un breve sguardo sulle cause della crisi, verranno offerte una serie di proposte concrete per un’economia che fa stare bene e saranno raccontate alcune storie di vita da parte di coloro  che si  stanno già muovendo in questa direzione. L’incontro è esteso alla partecipazione di tutti i soggetti interessati.

Minoranze e libertà

Autore: liberospirito 17 Apr 2012, Comments (0)

 

Sabato 28 aprile avrà luogo a Biella, alle ore 15.00 presso il Palazzo Ferrero un convegno dedicato alla figura di Tavo Burat, fondatore – fra le altre cose – del Centro Studi Dolciniani e di cui si è già parlato in altri post. Il titolo dell’incontro è Minoranze e libertà. Convegno sulle “battaglie” di Tavo Burat. Questo il programma dettagliato del convegno:

Patrizia Bellardone: Bibliografia ragionata

Michela Zucca: Civiltà alpina

Albina Malerba: Poesia e militanza civile

Federico Battistutta: L’eresia, un percorso di libertà

Enrico Pagano: La Resistenza: pratica contemporanea: Tavo su “L’Impegno”

Giuseppe Pidello e Maurizio Pelegrini: Attualità dell’Om Salvej

Seguirà dibattito sul tema: Come continuare l’opera  aperta da Tavo

La manifestazione terminerà la sera, alle 21,30, presso il Teatro Sociale Villani, sempre a Biella, con un concerto del gruppo Yo Yo Mundi. Numerose sono le associazioni promotrici. L’intera manifestazione è gratuita.

Verità e cammino

Autore: liberospirito 6 Apr 2012, Comments (0)

La terra è fatta di cielo.

La menzogna non ha nido.

Mai nessuno s’è perduto.

Tutto è verità e cammino.

Ferdinando Pessoa

Questi versi del poeta portoghese Pessoa sono posti come esergo al libro di Federico Battistutta che si intitola appunto Verità e cammino. Dialogo religioso e religiosità del dialogo, edito quest’anno da Pazzini. Il tema è quello – quantomai attuale – di un’indagine sugli aspetti peculiari riguardanti l’apertura e la costruzione (meglio: una co-costruzione, un qualcosa da fare insieme) di una prospettiva interreligiosa e, più in generale, interculturale, per i nostri tempi e per quelli a venire.

La considerazione è che ciascuno di noi vive immerso nella vita da un punto privilegiato, che è solo suo; ma questo punto, importantissimo per ognuno di noi, non è tutto il mondo, ma solamente un parte, una visuale, peraltro piccola. Allora, se le cose stanno così, nessuno può affermare a buon diritto di avere accesso alla verità totale per la specie umana o pretendere di incarnare in una misura assoluta il senso del cammino dell’uomo. Ciò significa che il cerchio non si chiude mai, poiché il dialogo non può avere termine, né si esaurisce, è come una sorgente di acqua, è il continuo rifiorire di un campo. Non ci resta che andare da viandanti lungo al strada, poiché, come dice il poeta, “Tutto è verità e cammino”.

E soprattutto, le religioni non possono pretendere di avere il monopolio della religione, sono tutt’al più custodi di tradizioni universali, appartenenti perciò all’intera umanità, e non proprietarie gelose di un patriomonio di loro esclusiva proprietà.